martedì 25 settembre 2012

Orizzonti d'autunno.

La strada

Mia strada oscura,
dove il silenzio è luce.
Stagione muta.

Riyueren

Io


...è di orizzonti che scrivo, mentre sul mio cuore si posano pensieri d'autunno.

Ho provato a restaurare una vecchia foto: quella bambina io la conosco. Un tempo si nascondeva anche a me, a me più che agli altri.

Ci ho messo una vita per farle smettere di avere paura. Degli altri. Di se stessa. Di me.

La strada è quella: inoltrarsi nel buio..avendo negli occhi la luce del silenzio, quella luce consapevole che fende l'oscurità che ci circonda e sovrasta.

Le cose invisibili sono semplicemente "cose non viste".
Le cose invisibili lasciano sempre tracce...orme.

L'anima non fa eccezione: siamo noi i segni della sua presenza.

I silenzi

8 commenti:

  1. Susanna ho messo in rete definitivamente questa cosa. Tu sei lì citata alcune volte, con l'affeto e la stima di sempre.
    Enzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Enzo, sei sempre generoso con me, anche se io latito, specialmente da Cruna, tutta persa nelle mie Mutazioni silenziose.Ho iniziato a leggerti, ma voglio farlo con la calma e l'attenzione che tu meriti.

      Elimina
  2. Ma quella bimba sei tu, mi sembra di riconoscere lo stesso sguardo, la stessa consapevolezza...
    manca solo la treccina.
    Le cose invisibili si vedono con il cuore, se non abbiamo disimparato a guardare.
    Ciao Riyù

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio io, nella foto che amo di più, quella foto che mi ricorda chi ero e mi fa sperare di ritornare sempre di più a me stessa.

      Elimina
  3. cieloterrafuocoacqua30 settembre 2012 16:46

    E' l'immagine della tenerezza e di tanta sensibilità quella bambina. Anche la più impercettibile mutazione la sfiora - si vede - tutto coglie e percepisce. Sì, arrivare ad abbracciare il noi bambina e consolarla ed amarla e ridarle la gioia di correre felice! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Fulvia, è soprattutto, ai miei occhi, un'immagine di libertà.E, se la guardi attentamente, anche di fierezza.

      Elimina
  4. Ciao Susanna, se hai un attimo di tempo passa dal mio blog
    C'era una volta Splinder
    Ogni tanto ci incontriamo tra amici e mi farebbe piacere ritrovarti anche lì ....
    Anna Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna Laura, e perché no? già sono con i Naufraghi di Splinder su FB...verrò a trovarti. ^__^

      Elimina