lunedì 4 giugno 2012

Una farfalla (A moth portfolio)

Ricordo una leggenda cinese: ho sognato di essere una farfalla...ma non potrei essere io, il sogno di quella farfalla?


Ecco, ho imparato che è possibile fotografare mentre si piange, perché per fortuna esiste l'autofocus. E anche se il mirino sta annegando, la fotocamera ci vede benissimo.


Soltanto una farfalla, perché piangere? Ieri era ancora viva, stamattina è volata altrove.


Che cosa c'è di più fragile di una farfalla? eppure il vento non sembra strapparla al suo volo.


Nella tua mano non ha peso: nella tua anima potrebbe anche essere un macigno.


Soltanto una farfalla: oh, non una di quelle così colorate che puoi confonderle con i fiori.


Una farfalla notturna: dai colori silenziosi, quieti. La noti soltanto se vuoi...o se è lei, a volerlo.


"Perché piangi?era solo una farfalla...e poi, mica l'abbiamo uccisa, no?"


Ma io dico che molte cose facciamo senza saperlo.


E voglio chiudere questo assurdo portfolio con alcune frasi che forse non c'entrano...o forse sì.


"...ognuno uccide la cosa che ama: il coraggioso lo fa con la spada, il vigliacco con un bacio" O.Wilde


"..un attimo, una breve calma di vento...e un'altra donna mi partorirà" K.Gibran


Ovunque tu sia ora, mia piccola amica...buon volo.

Farfalla



Farfalla



Farfalla



Farfalla



Farfalla



Farfalla



Farfalla



Farfalla


I remember a Chinese legend: I dreamed of being a butterfly ... but it could be me, the dream of the butterfly?

Here, I learned that you can take photographs while you cry, because luckily there is autofocus. And even if the viewfinder is drowning, the camera can see very well.

Only a butterfly, why cry? Yesterday she was still alive, this morning she flew elsewhere.

What's more fragile than a butterfly? but the wind does not seem to tear her flight.

In your hand she has no weight: in your soul she could also be a boulder.

Only a butterfly, oh, not one of those  that you can mix up with colorful flowers.

A moth: her colors are silent, quiet. You may see her if you want ... or if she wants it.

"Why are you crying? It was only a butterfly ... and then, we did not killed her, right?"

But I say that we do many things unconsciously.

And I want to end this absurd portfolio with some phrases that might have nothing to do ... or maybe yes.

"... Everyone kills the thing he loves: the brave do it with the sword, the coward with a kiss" O. Wilde

".. A moment, a calm brief of wind ... and another woman shall give birth to me" K.Gibran

Wherever you are now, my little friend ... good flight.

10 commenti:

  1. Il bianco e nero dei tuoi sogni colora la mia vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono felice, Enzo.Tanto felice.

      Elimina
  2. Assurdo portfolio....?
    La poesia, vera, non può essere assurda, cara Susanna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alfio, grazie: è che spesso mi sembra di vedere (e fotografare) cose che possono interessare solo a me, cose che hanno qualcosa da dire a me sola...tutto qui.

      Elimina
  3. il peso della valigia ...ligabue....

    Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui

    e ti è toccato partire bambina

    con una piccola valigia di cartone

    che hai cominciato a riempire




    due foglie di quella radura che non c'era già più

    rossetti finti ed un astuccio di gemme

    e la valigia ha cominciato a pesare

    dovevi ancora partire




    e gli occhi han preso il colore del cielo

    a furia di guardarlo

    e con quegli occhi ciò che vedevi

    nessuno può saperlo




    e sole pioggia neve tempesta

    sulla valigia e nella tua testa

    e gambe per andare

    e bocca per baciare




    Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui

    e ad ogni sosta c'era sempre qualcuno

    e quasi sempre tu hai provato a parlare

    ma nonsentiva nessuno




    e ti sei data ti sei presa qualche cosa chissà

    ma le parole che ti sono avanzate

    sono finite tutte nella valigia

    e li ci sono restate




    e le tue gambe andavano sempre

    sono sempre più adagio

    e le tue braccia reggevano a stento

    il peso della valigia




    e sole pioggia neve tempesta

    sulla valigia e nella tua testa

    e gambe per andare

    e bocca per baciare




    sole pioggia neve tempesta

    sui tuoi capelli su quello che hai visto

    e braccia per tenere e fianchi per ballare




    Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui

    ma adesso forse ti puoi riposare

    un bagno caldo e qualcosa di fresco

    da bere e da mangiare




    ti apro io la valigia mentre tu resti li

    e piano piano ti faccio vedere

    c'erano solo quattro farfalle

    un po' più dure a morire




    e sole pioggia neve tempesta

    sulla valigia e nella tua testa

    e gambe per andare

    e bocca per baciare




    sole pioggia neve tempesta

    sui tuoi capelli su quello che hai visto

    e braccia per tenere e fianchi per ballare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara, non potevi trovare parole più adatte.Quella bambina ti ringrazia.Un abbraccio grande.

      Elimina
  4. Grazie per l'augurio...Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'augurio è di buon volo, a tutte noi, certo.In questa vita, s'intende:la mia falena ormai sta volando in un'altra dimensione.

      Elimina
  5. Anch'io ti mando dei versi di Paolo Conte a cui la tua leggenda mi ha fatto pensare:

    Via, via, vieni via di qui,

    niente più ti lega a questi luoghi,

    neanche questi fiori azzurri…

    via, via, neanche questo tempo grigio

    pieno di musiche e di uomini che ti son piaciuti,
    ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Eilidh, vado a cercarmi tutto il testo.

      Elimina